Riunioni di Circolo

Riunione di Circolo del 26 Novembre 2015

La riunione dei Circoli Ceciliano, Chiassa, Puglia e Quarata si è aperta con la relazione del Segretario Comunale Alessandro Caneschi, che ha esposto le linee programmatiche approvate in Assemblea Comunale, seguita dalla relazione dell'attività in Consiglio Comunale a cura del Capogruppo Luciano Ralli e delle ultime novità legislative da parte della Sen. Donella Mattesini. Il dibattito si è poi svolto sulle vicende riguardanti Banca Etruria, la riforma sanitaria toscana e gli interventi del governo sulla prossima legge finanziaria.

Riunione di Circolo del 07 Ottobre 2014

La riunione congiunta dei Circoli Ceciliano, Chiassa, Puglia e Quarata (vedi o.d.g.) si è aperta con l'Introduzione da parte di Donato Caporali, Simone Baldini e Marco Cannarozzi del documento programmatico (vedi qui) prodotto dalla Segreteria Comunale. Successivamente Matteo Baldini ha introdotto il documento (vedi qui) prodotto dal Circolo di Quarata (ed integrato nel corso della serata) come contributo al documento redatto dalla segreteria. Dal dibattito è emersa la necessità, da parte degli iscritti, di valorizzare, in vista del prossimo appuntamento elettorale, quanto di buono fatto dall'amministrazione in questi anni, pur non trascurando l'importanza di esporre una nuova idea di città. In sintesi: è sentita l'esigenza di una maggiore attenzione verso le periferie e le frazioni, che vanno ripensate dal punto di vista urbanistico, rafforzando i collegamenti con la città e rendendole più vivibili all'interno, e per le quali occorre creare momenti di aggregazione sociale, prima arma contro l'insorgere di fenomeni di microcriminalità. Gli sforzi dell'amministrazione dovranno concentrarsi piuttosto che su grandi opere, sulla manutenzione e sui piccoli interventi volti a migliorare l'attuale situazione. Le "nuove povertà", di cui parla il documento programmatico, debbono essere affrontate costruendo un programma di assistenza non fine a se stesso, ma volto al superamento dello stato di povertà e che, fin tanto che se ne usufruisce, coinvolga l'assistito in attività di pubblica utilità (manutenzione aree verdi, nonni vigili...). Nella gestione delle aziende fornitrici di servizi il Comune dovrà svolgere con maggiore incisività il suo ruolo di controllo ed indirizzo, necessità palesata anche da casi di disservizi e tariffe elevate. Riguardo il sistema delle scuole dell’infanzia, occorre dare maggiori certezze all'accesso al servizio nella fascia 0-6 anni e continuità nel passaggio dall'asilo nido alla scuola materna sviluppando un progetto educativo complessivo che impedisca alle scuole di diventare luoghi in cui "parcheggiare" i figli. La riunione si è conclusa con l'indicazione dell'iter che condurrà all'individuazione delle alleanze ed allo svolgimento delle primarie di coalizione per la scelta del candidato sindaco.

Riunione di Circolo del 24 Marzo 2014

La riunione congiunta dei Circoli PD di Ceciliano, Chiassa, Puglia e Quarata svoltasi il 24 Marzo presso il Centro di Aggregazione Sociale di Quarata è stata l'occasione per fare il punto sul tema del decentramento amministrativo nel nostro territorio. La Segreteria Comunale, rappresentata da Paolo Nocentini e Donato Caporali, ha esposto il documento "Decentramento Comunale di Arezzo" volto alla costituzione nel nostro territorio di "Consigli di Quartiere" che realizzino una partecipazione organizzata nella gestione della cosa pubblica da parte dell'amministrazione comunale. Tali organismi andranno dunque ad occupare, nell'intento dei proponenti, lo spazio lasciato vuoto dalle circoscrizioni di decentramento comunale (abolite nel 2009), senza pesare in termini economici sulla collettività essendo totalmente a costo zero ed avendo funzioni propositive e consultive nei confronti dell'amministrazione in materie quali decoro urbano, sociale, cultura... Le impressioni dei presenti al dibattito sono state generalmente positive, pur sottolineando che dovrà esservi la massima volontà dell'amministrazione affinché gli organismi che si verranno a creare possano avere reale efficacia. Scendendo nel dettaglio è stato proposto che i consigli vengano istituiti in numero superiore alle "vecchie" circoscrizioni, andando ad insistere su porzioni di territorio non eccessivamente ampie; che di ogni consiglio debba far parte almeno un rappresentante per ogni frazione compresa nel territorio dello stesso; che venga valorizzato il momento consultivo e propositivo del consiglio nei confronti delle decisioni dell'amministrazione e che i risultati di tale momento debbano essere presi obbligatoriamente in considerazione dall'amministrazione prima dell'adozione dei provvedimenti di volta in volta interessati.
Non sono mancati poi riferimenti a questioni concrete, in particolare di manutenzione delle frazioni e di governo del territorio circostante, sulle quali, essendo di natura prettamente amministrativa, l'impegno dei circoli sarà quello di invitare chi di dovere a prenderle in considerazione e, anche quando ciò fosse già avvenuto, renderne conto di fronte alla cittadinanza.

Riunione di Circolo del 03 Febbraio 2014

Gli iscritti e simpatizzanti dei Circoli PD di Quarata, Puglia e Ceciliano si sono riuniti in data 3 Febbraio 2014 per svolgere i vari punti all'ordine del giorno (lettera convocazione) con il contributo della Segretaria Comunale PD Elisa Bertoli e del responsabile dell'organizzazione Paolo Nocentini.
Fra le questioni affrontate è stata particolarmente sentita quella della sicurezza delle frazioni. L'assemblea ritiene necessario un maggiore sforzo nel controllo delle periferie da parte delle forze dell'ordine, anche alla luce dei recenti fatti di cronaca che hanno visto il verificarsi di furti in abitazioni ed esercizi commerciali. Allo stesso tempo si auspica che l'amministrazione comunale promuova momenti di aggregazione volti alla riscoperta del senso di comunità e collaborazione fra cittadini, primo strumento di difesa contro il rischio di degenerazioni sociali. Il decoro urbano di frazioni e periferie è, secondo i partecipanti, bisognoso di maggiori attenzioni: occorre evitare il nascere di situazioni di degrado, anch'esse in grado di favorire fenomeni di microcriminalità, per cui il tema della sicurezza è strettamente legato a quello della manutenzione. In tal senso i partecipanti hanno espresso la convinzione che vada colmato il vuoto dovuto alla soppressione delle circoscrizioni attraverso nuove forme di decentramento amministrativo che permettano ai cittadini di avere un maggiore contatto con l'amministrazione ed indicare in maniera più efficace le proprie priorità. Vista l'importanza dei temi sin qui trattati l'assemblea ha prodotto un documento (vedi qui) che verrà recapitato agli amministratori competenti per materia ed affisso sulle bacheche dei circoli.
In tema di legge elettorale è stata posta l'attenzione sulla distribuzione dei collegi plurinominali: analizzata la divisione del territorio attualmente indicata nel progetto di riforma elettorale (che vede il territorio aretino diviso in due collegi a loro volta comprendenti porzioni di territorio "extra-provinciali") si confida che il parlamento opti per una maggiore omogeneità territoriale includendo la provincia di Arezzo in un unico collegio.